Dal 4 Maggio si potrà tornare a lavorare, ma attenzione alla privacy

Il DPCM del 26 Aprile 2020 ha permesso, per una buona parte di aziende, la possibilità di riaprire le attività produttive.

Guardando l’allegato dei codici ATECO si può affermare che, in buona sostanza, dal 4 maggio potranno riaprire tutte le aziende ad eccezione di quelle commerciali o, meglio ancora, di quelle che consentono un assembramento di acquirenti.

Tuttavia, per poter riaprire, i datori di lavoro dovranno preoccuparsi di far si che i propri lavoratori siano messi nelle condizioni di poter lavorare in tutta sicurezza e con un rischio di essere contagiati pressoché minimo.

Proprio per questo, nel DPCM è stato previsto l’allegato 6 dove vi sono una serie di regole e raccomandazioni da seguire affinché le aziende possano aprire in sicurezza.

La raccomandazione di cui ci interessiamo in questo articolo riguarda la misurazione della temperatura: il trattamento riguarda dati personali particolari ex art. 9 del GDPR per il processo potrà essere attivato solo previa informativa rilasciata dal datore di lavoro.

In altri termini, il trattamento è lecito perché rientriamo in un obbligo di legge previsto dall’art. 1 n. 7 lett. d) del DPCM del 26 Aprile 2020, ma ciò non ci esula dall’informare i nostri dipendenti circa l’obbligo di sottoporsi alla misurazione della temperatura per poter tornare sul luogo di lavoro. Inoltre, non devono essere conservate tutte le misurazioni effettuate, ma solo quelle che producono un risultato pari o superiore a 37,5°.

Infine, ricordo che il trattamento deve essere oggetto di un analisi secondo i principi di by design e by default in modo tale da attivare tutte le procedure necessarie, che possono andare anche oltre la privacy, per poter garantire una sicurezza massima nei luoghi di lavoro. Ad esempio, non basta informare il dipendente circa l’obbligo di sottoporsi ad una misurazione della temperatura, ma anche come attivarsi in caso di temperatura pari o superiore a 37,5° e l’impossibilità di poter tornare al lavorare fintanto che non vi siano le condizioni di sicurezza necessarie per evitare un contagio.

Show CommentsClose Comments

Leave a comment